Neuroscienze, frutta e verdura per il cervello

Mangiare frutta e verdura sviluppa la resilienza del cervello grazie ai fitocomposti che la pianta produce per difendersi dagli insetti; la ricerca sui farmaci ormetici apre nuove strade per la cura delle malattie neurodegenerative. Appunti e sintesi di un articolo del Prof. di neuroscienze americano Mark P. Mattson.

1212
Molecola di resveratrolo in 3d

Ho letto un interessante lavoro di Mark P. Mattson, capo del Laboratorio di Neuroscienze del National Institute of Aging  e professore di neuroscienze alla John Hopkins University School of Medicine, sul ruolo dell’ormesi, prodotta dall’assunzione di frutta e verdura, sulla salute del cervello.

L’ormesi è il risultato di una relazione di stimolo di una sostanza sulla funzione organica interessata che ha effetti benefici a basse dosi ed effetti dannosi ad alte dosi; in pratica, l’ormesi è una risposta adattogena allo stress. Ebbene, stando a questi studi e ricerche, non sono tanto gli antiossidanti contenuti in frutta e verdura ad essere benefici per la salute, ma i fitocomposti in esse contenuti. Sono fitocomposti quelle sostanze che le piante producono per difendersi dagli insetti (per loro corrispondono ad alti dosaggi) e che per noi esseri umani (per noi corrispondono a bassi dosaggi) diventano sostanze benefiche, così da innescare reazioni ormetiche.

Nel nostro organismo, queste sostanze stimolano le vie biochimiche che rafforzano la resistenza alle tossine vegetali stimolando le cellule neuronali a produrre antiossidanti e a distruggere i radicali liberi, regolando così l’efficienza energetica e, soprattutto, migliorando la cognizione nel suo complesso.

L’ormesi spiegherebbe anche perché i supplementi dietetici a base di antiossidanti spesso si rivelano inutili o addirittura dannosi: non sarebbero gli antiossidanti contenuti nei vegetali ad essere benefici, ma i fitocomponenti che stimolano le cellule, sottoposte a stress, a produrre antiossidanti endogeni, più efficaci per riequilibrarsi. In particolare, quest’azione risulta efficace con il sulforafano dei broccoli, la curcumina della curcuma e del curry e il resveratrolo dell’uva e del vino rosso.

La ricerca sui farmaci ormetici è importante perché le sostanze vegetali che inducono stress cellulare possono avere vantaggi rispetto ai farmaci tradizionali, di origine chimica, che provocano effetti collaterali sconvolgendo il normale funzionamento delle cellule nervose. I farmaci ormetici, in fase sperimentale, dovrebbero servire a curare malattie neurodegenerative come lAlzheimer e il Parkison, senza effetti collaterali, come spiega il Prof. Mark P. Mattson: “Le ricerche preliminari mostrano che le cellule nervose non muoiono: diventano semplicemente più capaci di resistere all’assalto dei radicali liberi e ai danni molecolari che sconvolgono il cervello“.

La ricerca continua.

Cinzia Malaguti

 

Fonte: Le Scienze, settembre 2015, edizione italiana di Scientific American

Leggi anche:

Broccoli: “armi da fuoco” contro le cellule tumorali

Mi chiamo broccolo e porto salute e benessere

Curcuma, consigli per l’uso