Letteratura – C. Cussler: Recuperate il Titanic!

E’ sempre un piacere leggere i romanzi d’avventura di Clive Cussler e questo Recuperate il Titanic non fa eccezione, ma qui l’ignoranza, causata da una scoperta successiva alla stesura del libro, rende la trama impossibile.

La storia parte a bordo del Titanic, durante la tragica notte del 1912, quando un uomo si chiude all’interno di una camera blindata dopo aver dichiarato di aver ucciso otto uomini. Settantacinque anni dopo, due scienziati americani vanno a caccia di un minerale raro, necessario per portare a termine un progetto governativo, localizzato nelle distese artiche russe. Il geologo inviato sul posto e scampato alla morte per mano di una sentinella russa, scopre che il minerale è già stato estratto e caricato sul famoso transatlantico affondato. Il recupero del Titanic si rende allora necessario e sarà pane per i denti di Dirk Pitt e della sua NUMA (National Underwater & Marine Agency).

Titanic-Cobh-Harbour-1912
Il Titanic

Il romanzo scorre tra colpi di scena e intrecci, minatori morti che non sono morti, ingegneri morti che non sono morti e disastri in miniera che non sono disastri.

Il romanzo fu pubblicato in origine nel 1976, poi ripubblicato in occasione del centenario dell’affondamento nel 2012; la trama purtroppo si svolge intorno all’ignoranza di un fatto che verrà scoperto solo nove anni dopo la stesura del romanzo: il Titanic si era spezzato in due durante il naufragio. Ciò rende la trama del libro impossibile e per questo elemento non ne ho voluto concludere la lettura.

Cinzia Malaguti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *