Il lavoro di gruppo

Ciascuno di voi probabilmente ha partecipato a qualche gruppo di lavoro traendone impressioni a volte positive e a volte negative, ma cosa caratterizza l’efficacia di un gruppo di lavoro e, soprattutto, produce davvero più risultati dell’insieme delle singole attività?

L’efficacia di un gruppo di lavoro sembra risiedere in una molteplicità di fattori, stando ad importanti studi di psicologia sociale (Anita Woolley Matthew Pearsall, Aleksander Ellis, Célia Blanchet, Estelle Michinov) che ci portano a riflettere sulle dinamiche interne ai gruppi e sul rispetto di alcune regole di comunicazione.

lavoro-di-gruppo

Le dinamiche sociali interne ai gruppi sono positive solo se ogni individuo è valorizzato nel proprio ruolo e se è presente un clima di familiarità tra i membri del gruppo; un clima conflittuale e la presenza di una gerarchia interna al gruppo ne minano i risultati.

Il rispetto delle regole di comunicazione è altrettanto molto importante affinché il contributo di ognuno possa avvenire in un contesto di condivisione e serenità; esse vanno dall’essere attenti alle idee altrui, al non esprimere giudizi né critiche, all’esprimersi a ruota libera senza autocensure, con l’obiettivo di migliorare la creatività del gruppo nel suo insieme.

lavoro-di-gruppo

Le ricerche di psicologia sociale hanno identificato gli elementi che favoriscono l’intelligenza dei gruppi, sono talmente tanti che trovarli insieme è davvero un’impresa complicata. Gli elementi rilevati che caratterizzano i gruppi di lavoro efficaci sono: squadre di piccole dimensioni che raccolgano profili diversi, interventi verbali frequenti e distribuiti, buone capacità di intelligenza emotiva, “cultura” del gruppo dove ciascuno conosce le competenze altrui, presenza di donne, gestione orizzontale senza gerarchie, spazi di comunicazione informale sui luoghi di lavoro.

In assenza di uno o più di questi elementi, anche quelli che in apparenza sembrano più banali, il lavoro di gruppo rischia di trasformarsi in una perdita di tempo, diventando più creativa ed efficace la raccolta di soluzione che escono dalle attività individuali.

Cinzia Malaguti

 

Bibliografia:

E. Michinov, L’intelligenza collettiva, su Mente & Cervello nr. 143

E. Delacroix, Le regole del brainstorming, su Mente & Cervello nr. 143

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *