AIRA Associazione Italiana Ricerca Autismo

E’ nata da poco tempo l‘AIRA, l’Associazione Italiana Ricerca Autismo, ma ha grandi progetti: promuovere la ricerca di qualità, raccogliere fondi, veicolare un’informazione corretta basata sulle prove, essere di supporto ai familiari e formare tutti gli attori coinvolti, sviluppare ausili tecnologici alle terapie, combattere il pregiudizio.

L’AIRA ha tenuto il suo primo congresso nazionale a dicembre 2015 esprimendo la ferma intenzione di diventare il punto di riferimento per ricercatori, familiari ed istituzioni, tramite l’impegno volontario dei maggiori esperti italiani del settore.

Ricerca, diagnosi precoce, ausili e comunicazione sono le quattro colonne portanti dell’Associazione Italiana Ricerca Autismo.

La comunicazione riveste un ruolo importante per un disturbo personalizzato e ad ampio spettro, dove è alto il rischio che se ne parli male, dando spazio a procedure non sostenute da prove scientifiche, come è successo con la questione dei vaccini. E’ pertanto importante veicolare informazioni provate e vagliate da un comitato scientifico multidisciplinare.

render of DNA
render of DNA

Un’altra priorità dell’AIRA è quella di ripensare i percorsi di diagnosi creando una rete di centri sul territorio e favorire un’adeguata formazione di tutti gli attori coinvolti (dalla famiglia agli insegnanti, dai pediatri ai neuropsichiatri infantili), in modo da riconoscere i segni precoci dell’autismo che devono indirizzare da un professionista e fornire adeguata assistenza.

Promuovere la ricerca di qualità è una delle mete di AIRA che vorrebbe essere per l’autismo ciò che AIRC è per il cancro: un’associazione che raccoglie fondi e finanzia ricerca di alto livello, basata sulle prove. AIRA nasce sorretta solo dalle quote di un centinaio di soci, ma per continuare e perseguire i suoi nobili scopi ha bisogno di finanziamenti privati.

Un’area della ricerca su cui AIRA intende puntare è anche lo sviluppo di ausili tecnologici alle terapie, sia software, dalle app per smartphone o tablet ai sistemi di osservazione con telecamere, che hardware, come i robot che stimolino il bambino a giocare e a interagire.

Le famiglie con bambini autistici hanno bisogno di non sentirsi sole e di trovare una rete di supporto che, favorendo la corretta informazione e la solidarietà, combatta il pregiudizio dell’ignoranza.

In bocca al lupo, AIRA!

Cinzia Malaguti

 

Bibliografia:

G. Sabato, Insieme per la ricerca, su Mente & Cervello nr. 134

AIRA Associazione Italiana Autismo, sito ufficiale

AIRA Associazione Italiana Ricerca Autismo su Facebook

Le immagini sono tratte dal sito dell’AIRA

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *