Parco Nazionale Laghi di Plitvice

Sono passati diversi anni dalla mia visita ai Laghi di Plitvice, era prima dello scoppio della guerra civile nell’ex-Jugoslavia, ma il ricordo di quella grande ricchezza naturalistica è ritornato vivido dopo la visione del programma televisivo Niagara condotto dalla brava Licia Colò. Dunque, visto che a quel tempo non avevo lo strumento di comunicazione con il quale sto scrivendo, è giunto il momento di raccontarvi qualcosa di quello straordinario Patrimonio dell’Umanità rappresentato dal Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice in Croazia.

Parco Laghi di Plitvice (ft screenshot Niagara)
Parco Laghi di Plitvice (ft screenshot Niagara)

Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice è davvero singolare; di aree naturalistiche con meravigliosi laghi ne troviamo in altre parti del mondo, ma qui i laghi sono disposti su piani diversi, come su immense scalinate e creano ambienti caratterizzati da microclima diverso; potrete così distinguere, osservando il verde che vi circonda (e la temperatura), una parte superiore del parco con vegetazione dolomitica ed una parte inferiore con vegetazione mediterranea.



Al Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice la grande protagonista è l’acqua: laghi, cascate, torrenti, ruscelli. I laghi sono tanti e le cascate offrono spettacoli incredibili. Le loro acque si riversano poi nel fiume Korana che sfocia nel Mar Nero. La cascata più grande e spettacolare si trova nella parte inferiore del Parco, è alta 78 metri, nasce da un torrente e finisce in un altro torrente. Il Parco dei Laghi di Plitvice si visita percorrendo specifici sentieri e passerelle; pensate che ci sono ben 18 km di passerelle, questo vi da l’idea della grandezza del parco che si estende per 300 km2; passeggiando sulle passerelle si ha l’impressione di muoversi a pelo d’acqua, stupendo!

Parco Laghi di Plitvice, passerelle (ft screenshot Niagara)
Parco Laghi di Plitvice, cascata maggiore (ft screenshot Niagara)



Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice è una realtà completamente naturale, cioè creata dalla natura, senza l’intervento dell’uomo. Nel 1991, con lo scoppio della guerra civile, però, la sua esistenza è stata messa a dura prova; la guerra per l’indipendenza della Croazia durò 4 anni, migliaia furono gli alberi tagliati per farne barricate o scaldare i soldati, i danni furono gravi, ma non irreparabili; un grande lavoro di recupero ha permesso al Parco dei Laghi di Plitvice di ritornare al loro antico splendore ed ai turisti di ritornare ad ammirarlo.

Come si sono formati i Laghi di Plitvice? Forse avete la curiosità di sapere come la natura ha formato cotanto splendore. Seguitemi! I laghi di Plitvice sono ricchi di sali minerali che tendono a depositarsi sul fondo e a formare una roccia calcarea, il travertino; il calcare che si sedimenta porta alla formazione di barriere che, un po’ alla volta, ostruiscono il corso dell’acqua; l’acqua così sale di livello fino a trovare altre vie di passaggio o ad abbattere con la sua pressione qualcuna delle barriere formate. Questo paesaggio è, pertanto, in continua evoluzione, alla ricerca di un incessante equilibrio tra acqua e roccia. Se avrò l’occasione di ritornare a visitare i Laghi di Plitvice, sicuramente troverò un paesaggio un po’ diverso, non nella sua visione d’insieme, ma certo in molti particolari.

Parco Laghi di Plitvice (ft screenshot Niagara)
Parco Laghi di Plitvice (ft screenshot Niagara)



Informazioni per la visita. Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice si trova in Croazia, a circa 220 km da Trieste, passando per Fiume. Si paga un biglietto d’ingresso che comprende tutti i trasporti all’interno del parco (battelli elettrici, trenini). Il periodo migliore per visitare il Parco è maggio-giugno quando i laghi sono carichi d’acqua e la vegetazione in pieno rigoglio. Per altre informazioni sul Parco, visita Croaziainfo. Il Parco Nazionale Laghi di Plitvice è sito protetto da Unesco quale Patrimonio dell’Umanità.

Cinzia Malaguti