Cinema: Bohemian Rhapsody

Bohemian Rhapsody è davvero un film molto bello. Racconta i primi 15 anni del gruppo rock dei Queen e del suo performer Freddie Mercury e lo fa con una sceneggiatura ed un montaggio intelligenti e toccanti. Bohemian Rhapsody ha vinto 4 Premi Oscar 2019, tra i quali “migliore attore protagonista” a Rami Malek e miglior montaggio. Se non lo avete ancora visto, andatelo a vedere, non ve ne pentirete.

Freddie Mercury interpretato da Rami Malek (a sinistra) e Freddie Mercury vero (a destra)

L’attore americano di origini egiziane Rami Malek interpreta Freddie Mercury in maniera straordinaria; l’imitazione così perfetta della postura e dei gesti sicuramente ha richiesto molti mesi di allenamento. Il film prende il titolo dalla famosa canzone dei Queen, Bohemian Rhapsody, pubblicata nel 1975 e di grande successo.



Bohemian Rhapsody racconta la storia della nascita dei Queen e la loro scalata al successo fino al Live Aid del 1985. Il film ci fa conoscere l’origine parsi di Freddie Mercury (i parsi sono persiani che fuggirono in India e in altri paesi per sfuggire alle persecuzioni dei musulmani); ci fa conoscere anche il suo amore eterosessuale per Mary Austin con la quale visse sette anni e con cui mantenne una grande amicizia fino alla fine dei suoi giorni; ci fa conoscere l’avidità e infamia di alcuni collaboratori e manager tra i quali il suo compagno; ci fa conoscere come sono nate alcune bellissime canzoni dei Queen; ci fa conoscere amicizie e dissapori, successi e crisi, alti e bassi di uno straordinario protagonista della musica rock, un vero animale da palcoscenico con il dono di una voce superlativa, qual era Freddie Mercury. Il film termina con la performance integrale del Live Aid di 22 minuti, comprendenti le canzoni Crazy Little Thing, Called Love e We will rock you. L’edizione home video non contiene alcune scene della versione cinematografica.



Bohemian Rhapsody, come ogni film biografico, non è fedele al 100% agli avvenimenti reali, ovviamente per motivi cinematografici. Alcune discrepanze con i fatti reali: il concerto del Live Aid non rappresentò, in realtà, alcuna rappacificazione del gruppo che non si era mai sciolto; Freddie Mercury scoprì, in realtà, di essere positivo all’HIV dopo il Live Aid, non prima come rappresentato nel film.

Bohemian Rhapsody, gli altri tre componenti i Queen nel film

Bohemian Rhapsody ha vinto ben 4 Premi Oscar 2019: miglior attore protagonista, miglior montaggio, miglior montaggio sonoro e, ovviamente, miglior sonoro.

Buona visione!

Cinzia Malaguti