Verona con City Sightseeing

Verona è una città straordinaria raccolta intorno alle due anse del fiume Adige; città amata dagli antichi romani e da sempre crocevia importante per la storia europea, di lei cosi disse Shakespeare “… Non c’è mondo al di fuori delle mura di Verona …” Un modo divertente e completo di visitarla è salire sui bus turistici “sali e scendi” di City Sightseeing. Verona è città Patrimonio dell’Umanità Unesco con le sue testimonianze dei diversi periodi storici ed architettonici.

City Sightseeing Verona percorso
City Sightseeing Verona percorso

City Sightseeing Verona ha due linee che attraversano la città, di cui una ti porterà fino in collina, al Santuario della Madonna di Lourdes, da dove ti attende uno splendido panorama sulla città. Le diverse fermate in prossimità dei luoghi che meritano una visita, preceduti da una stimolante spiegazione, ti permetteranno di scendere per ammirarli e poi risalire in una delle tappe del bus.

Verona, panoramica sulla città dal Santuario della Madonna di Lourdes
Verona, panoramica sulla città dal Santuario della Madonna di Lourdes

10 luoghi da non perdere a Verona

1. Basilica di San Zeno. E’ uno dei capolavori dell’architettura romanica in Italia ed uno degli edifici più importanti della città. Il nucleo originario della Basilica risale al IV secolo, quando una piccola chiesa fu eretta vicino al luogo di sepoltura di San Zeno, ma le attuali forme vennero completate nel 1389, quindi nell’Alto Medioevo. L’ingresso è a pagamento, ma è imperdibile per il meraviglioso e grande chiostro e l’interno della basilica sviluppato su tre livelli sovrapposti: la Cripta è in basso, sovrastata dalla Chiesa plebana e poi dalla Chiesa superiore o presbiterio.

Verona, Basilica di San Zeno
Verona, Basilica di San Zeno
Verona, Basilica di San Zeno, chiostro
Verona, Basilica di San Zeno, chiostro
Verona, Basilica di San Zeno, chiostro
Verona, Basilica di San Zeno, chiostro

Le opere di maggior valore sono ospitate nella Chiesa superiore: lo splendido Trittico del Mantegna raffigurante la Madonna in trono e la grande statua in marmo di San Zeno, realizzata nel XIII secolo e raffigurante il santo che sorride bonariamente mentre regge il bastone pastorale da cui pende un pesce. Nella cripta, suddivisa in nove navate con gli archi sostenuti da 49 colonne, è conservato il corpo del santo. Di grande valore è anche il prezioso portale rivestito con 48 formelle in bronzo, realizzato tra il X e il XII secolo da diversi autori. Info orari.

Verona, Basilica di San Zeno, interno
Verona, Basilica di San Zeno, interno
Verona, Trittico del Mantegna
Verona, Trittico del Mantegna
Verona, Basilica di San Zeno, statua in marmo di San Zeno
Verona, Basilica di San Zeno, statua in marmo di San Zeno

2. Basilica di Sant’Anastasia. La Basilica di Sant’Anastasia è uno splendido esempio di gotico italiano, ma ve ne accorgerete in pieno solo visitando l’interno (a pagamento). La costruzione della Basilica di Sant’Anastasia iniziò nel 1290 per poi non essere mai definitivamente ultimata, lo noterete dalla facciata. La Basilica si sviluppa in tre navate sorrette da 12 imponenti colonne di marmo rosso; sul transetto si aprono cinque cappelle e sull’arco d’ingresso di una di esse, la Cappella Pellegrini, si trova il celebre affresco del Pisanello, San Giorgio e la Principessa, di notevole valore artistico; due aspetti mi hanno particolarmente affascinata visitando l’interno di questa grande chiesa veronese: le fitte decorazioni ornamentali e geometriche e le due acquasantiere, a fianco delle prime colonne, sostenute da grandi statue raffiguranti due gobbi baffuti. La Basilica di Sant’Anastasia è la chiesa più grande di Verona. Info orari.

Verona, Basilica di Sant'Anastasia, sullo sfondo le Terme Romane
Verona, Basilica di Sant’Anastasia, sullo sfondo le Terme Romane
Verona, Basilica di Sant'Anastasia
Verona, Basilica di Sant’Anastasia
Verona, Basilica di Sant'Anastasia, interno
Verona, Basilica di Sant’Anastasia, interno
Verona, Basilica di Sant'Anastasia, acquasantiera
Verona, Basilica di Sant’Anastasia, acquasantiera

3. Arena. L’Arena è testimone dell’antica origine romana di Verona. La costruzione dell’Arena risale al I secolo d. C. quando gli antichi romani la vollero per far divertire il popolo con corse a cavalli e gladiatori. Il suo ottimo stato di conservazione, grazie ai sistematici restauri, ne fa oggi la cornice ideale per le opere liriche ed i concerti di grandi star della musica internazionale. L’Arena si trova in Piazza Brà, il capolinea di City Sightseeing. In Piazza Brà si trova anche il neoclassico Palazzo Barbieri, sede del Comune di Verona.

Verona, Atena e Palazzo Barbieri
Verona, Atena e Palazzo Barbieri

4. Castelvecchio e Ponte Scaligero. Questi due monumenti storici sono la testimonianza del governo degli Scaligeri a Verona e risalente al XIII-XIV secolo. Le alte mura di Castelvecchio ed il suo ponte merlato sono molto scenografici e, a ragion veduta, uno dei simboli della città, insieme all’Arena e alla Casa di Giulietta. Percorrete il ponte Scaligero per ammirare la città dalle acque del suo fiume e per immaginarvi nel 1300 ad attraversare il ponte tirando un carretto o, meglio, in abiti signorili passeggiando a braccetto con il/la nobile consorte. Castelvecchio ospita il Museo cittadino.

Verona, Ponte Scaligero e Castelvecchio
Verona, Ponte Scaligero e Castelvecchio
Verona, Castelvecchio
Verona, Castelvecchio
Verona, Ponte Scaligero
Verona, Ponte Scaligero

5. Piazza delle Erbe. E’ la piazza più antica di Verona e sorge sopra l’area dell’antico foro romano. In epoca romana era il centro dell’attività amministrativa e commerciale; con il tempo gli edifici romani hanno lasciato il posto a quelli medievali. Piazza delle Erbe è un quadrilatero che si restringe verso il rinascimentale Palazzo Maffei e la cui veduta dalla Torre Lamberti rende onore alla bellezza di questa piazza. Davanti al Palazzo Maffei sorge una colonna in marmo bianco sulla cui sommità si erge il leone di San Marco, simbolo della Repubblica di Venezia di cui Verona è stata parte.

Verona, Piazza delle Erbe dalla Torre dei Lamberti
Verona, Piazza delle Erbe dalla Torre dei Lamberti

6. Il Duomo. Il Duomo di Verona è una cattedrale romanica costruita tra il 1117 e il 1187 sulle rovine di due chiese paleocristiane, distrutte a causa di un terremoto. E’ caratterizzata dalla torre campanaria, alta 75 metri e rimasta incompiuta, e dai suoi interni che presentano archi gotici e alti pilastri in marmo rosa. Ingresso a pagamento. Info orari.

Verona, il Duomo
Verona, il Duomo
Verona, il Duomo
Verona, il Duomo
Verona, il Duomo, interno
Verona, il Duomo, interno

7. Torre dei Lamberti. La salita su questa antica torre è imperdibile perché il panorama che potrete ammirare sulla città e sulle colline dalla cella campanaria è davvero impareggiabile e a 360°; il primo tratto della salita si può fare con l’ascensore. La Torre dei Lamberti si trova a due passi dalla centrale Piazza delle Erbe e fu costruita nel XII secolo, varie volte innalzata, per diventare la torre più alta di Verona con i suoi 84 metri di altezza. La Torre dei Lamberti prende il nome della potente famiglia veronese che la fece erigere ed è la torre del Palazzo della Ragione, già sede comunale, oggi ospita la Galleria d’Arte Moderna; si noti la bella scalinata rinascimentale esterna. Il biglietto d’ingresso alla Torre vi darà la possibilità di visitare anche la Galleria d’Arte. Info orari.

Verona, Torre dei Lamberti
Verona, Torre dei Lamberti
Verona, Palazzo della Ragione, scalinata rinascimentale
Verona, Palazzo della Ragione, scalinata rinascimentale
Verona, Piazza delle Erbe con la Torre Lamberti
Verona, Piazza delle Erbe con la Torre Lamberti

8. Casa di Giulietta. Al numero 23 di via Cappello, a poche decine di metri dalla centrale piazza delle Erbe, sorge la casa in cui, secondo la tradizione, abitò Giulietta Capuleti. Il dramma amoroso medievale di Giulietta e Romeo, narrato da Shakespeare, ha trovato a Verona dei riscontri e la casa di Giulietta è diventata, tra leggenda e realtà, luogo simbolo dell’amore immortale.  La casa di Giulietta è un severo edificio medievale di impianto duecentesco dove, nella parte frontale, spicca il famoso balcone da cui, secondo la tradizione, Giulietta si affacciava per parlare con il suo Romeo. Nel cortile interno c’è una bella statua in bronzo di Giulietta; la tradizione vuole che toccare il suo seno porti fortuna in amore. Info orari per visitare l’interno della casa.

Verona, Casa di Giulietta
Verona, Casa di Giulietta

9. Teatro Romano e Ponte Pietra. Il Ponte Pietra è l’unico ponte sull’Adige di epoca romana rimasto ed il più antico monumento romano di Verona essendo stato costruito nel I secolo a. C.; delle sue cinque arcate, però, solo le due a sinistra, edificate in pietra bianca, risalgono all’epoca romana, le altre – realizzate in mattoni – risalgono ad epoche successive. Il Ponte Pietra attraversa l’Adige in prossimità del Teatro Romano. Il Teatro Romano è situato ai piedi del colle di San Pietro, sulla riva sinistra dell’Adige ed era il teatro cittadino durante l’epoca romana, ma nel medioevo, già danneggiato da inondazioni e terremoti, venne sepolto da case e conventi, costruiti riciclandone le antiche mura. Gli scavi per recuperarlo iniziarono nell’Ottocento quando vennero acquistati e demoliti una parte degli edifici sovrastanti e proseguirono fino al 1970 con la scoperta della galleria sotto il proscenio; un convento ed una chiesa sono sopravvissuti agli scavi per il recupero del teatro. Dal 1948 le gradinate del Teatro Romano di Verona ospitano in estate un importante festival shakesperiano.

Verona, Ponte Pietra
Verona, Ponte Pietra
Verona, scorcio panoramico Teatro Romano con costruzioni sopravvissute agli scavi
Verona, scorcio panoramico Teatro Romano con costruzioni sopravvissute agli scavi

10. Le mura di Verona. Le antiche mura della città sono tra gli elementi più affascinanti dell’analisi evolutiva di Verona: presenti in perimetri via via più estesi a seconda dell’epoca della costruzione, conferiscono un aspetto particolare alla città. Delle due cinte successive erette dai Romani rimane ben poco, invece le mura comunali, ricostruite dopo l’inondazione del 1239, sono ancora in ottimo stato. Il perimetro fatto erigere dalla Signoria Scaligera (1325) racchiudeva un’area vasta, confermato dai Veneziani nel Cinquecento e nell’Ottocento dagli Austriaci. Le porte monumentali, come Porta Nuova e Porta Palio, e le fortificazioni testimoniano dell’importanza strategica della città, grandioso esempio di roccaforte militare, ben difesa dalle aggressioni esterne. Una parte delle mura sono a terrapieno ed oggi sono diventate il Parco delle Mura, originale parco cittadino sopraelevato.

Verona, le mura
Verona, le mura
Verona, una panoramica dalla Torre dei Lamberti
Verona, una panoramica dalla Torre dei Lamberti

Ci sarebbe un’altra attrazione, il rinascimentale Giardino Giusti, ma siccome non ho fatto in tempo a visitarlo, ve lo racconterò prossimamente.

Buona visita!

Cinzia Malaguti

Un pensiero riguardo “Verona con City Sightseeing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *