Van Gogh, anima socialista

La vigna rossa è l’unico dipinto che Vincent Van Gogh riuscì a vendere in vita; egli dipingeva il lavoro, la fatica, pertanto era snobbato da quanti ricercavano dipinti che ritraessero la classica bellezza aristocratica. Quale nobile avrebbe voluto arredare la propria casa con figure segnate dal duro lavoro nei campi!? Attraverso il suoi dipinti possiamo allora affermare che Van Gogh ha dato voce e dignità agli umili, anima socialista. Fino a 8 aprile 2018, Vicenza ospita l’interessante mostra Van Gogh – Tra il grano e il cielo.

Van Gogh, Donne nella neve che portano sacchi di carbone (1882)

Vincent Van Gogh, pittore olandese nato nel 1853 e morto nel 1890, era un autodidatta. Autore di ben 864 tele e più di mille disegni, è una delle firme più famose dell’Impressionismo, tendenza artistica nata a Parigi nella seconda metà dell’Ottocento.

Van Gogh, Ritratto di donna (1885)
Van Gogh, Tessitore al telaio (1884)

Vincent Van Gogh era un autodidatta, i suoi primi dipinti contengono errori prospettici grossolani, ma la mano talentuosa era già evidente; egli è cresciuto artisticamente osservando e provando, copiando a volte, ma aggiungendo sempre qualcosa di suo, di unico, di personale. Il legame con il fratello Theo, mercante d’arte, era forte, tanto che Vincent poté esercitare l’arte pittorica grazie al suo sostegno economico perché di quadri in vita ne vendette solo uno, La vigna rossa.  Anima molto inquieta, Vincent Van Gogh oscillò artisticamente spesso tra impressionismo ed espressionismo; con i suoi dipinti impressionisti egli ritrasse la realtà osservandola, piazzava il cavalletto e la tela e, all’aria aperta, dipingeva ciò che vedeva, da spettatore, ma con i suoi dipinti espressionisti Vincent era come dentro alla scena, esasperava il lato emotivo della realtà, rispetto a quello percepibile oggettivamente. Per Van Gogh dipingere era anche una terapia contro i disturbi mentali che lo tormentavano, tanto che nel periodo dei suoi ricoveri psichiatrici nel sud della Francia, gli fu prescritto di dipingere almeno una tela al giorno; purtroppo questa terapia non bastò perché Vincent Van Gogh morì suicida, a Auvers- sur-Oise il 29 luglio 1890.

Van Gogh impressionista, Sentiero nel parco (1888)
Van Gogh espressionista, Il vigneto verde (1888)

A Vincent Van Gogh piaceva dipingere il lavoro nei campi, la fatica degli umili e in questo suo slancio io lo trovo molto socialista, non gli interessava assecondare le richieste di ricchi committenti, egli voleva rappresentare la realtà e le emozioni, il lavoro e la fatica.

Van Gogh, Vecchio che soffre (1890)
Van Gogh, Ulivi (1889)

Devo dire che ho potuto osservare questa prospettiva nell’arte di Van Gogh visitando la mostra Van Gogh – Tra il grano e il cielo; questa bella mostra è esposta nella Basilica Palladiana, Vicenza, fino al 8 aprile 2018.

Cinzia Malaguti

Un pensiero riguardo “Van Gogh, anima socialista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *