A San Giovanni in Persiceto c’è la Piazzetta degli Inganni

San Giovanni in Persiceto si trova nella pianura bolognese, al confine con le province di Modena e Ferrara, è conosciuta per il suo storico Carnevale degli “Spilli”, ma anche per una piazzetta davvero particolare: la Piazzetta degli Inganni. Le case che si affacciano su Piazza Betlemme hanno i muri dipinti secondo la tecnica del trompe l’oeil, ovvero disegni che ingannano l’occhio perché appiano tridimensionali e quasi reali. Furono realizzati dallo scenografo e pittore Gino Pellegrini, fra gli anni Ottanta e Novanta, e sono spettacolari.



Gino Pellegrini (1941-2014), abile scenografo e pittore che lavorò con Kubrick e Disney, dopo 15 anni di attività in California, ritornò in Italia e si stabilì nel bolognese; a San Giovanni in Persiceto trovò l’ispirazione di cui aveva bisogno per realizzare opere pittoriche a cielo aperto di particolare rilevanza. Individuò nella piccola e raccolta Piazza Betlemme lo scenario ideale per le sue fantasie pittoriche. In due tempi, fra gli anni Ottanta e Novanta, sui muri delle case che si affacciano su questa piazza, realizzò una serie di scene con figure di ortaggi fuori scala e animali fantastici che sembrano spiccare il volo dalle finestre, con la tecnica del trompe l’oeil, cioè ad effetto tridimensionale. Entrando nella Piazzetta degli Inganni sembra di entrare in una favola che anima i bambini di tutte le età; siccome è vero che bisogna mantenere vivo il bambino che c’è dentro ognuno di noi, qui c’è lo stimolo adatto. Al di là di tutto, rimane comunque la bellezza delle forme, la vivacità dei colori, il fascino del contesto.

San Giovanni in Persiceto
Piazzetta degli Inganni
San Giovanni in Persiceto
Piazzetta degli Inganni

Gino Pellegrini ha realizzato un’altra opera pittorica a cielo aperto a San Giovanni in Persiceto, si tratta della parete del grande silos del mulino che si trova in via Minghetti, nei pressi della stazione ferroviaria, visibile anche da lontano, per le sue dimensioni. Sulla parete sono dipinti i prodotti agricoli del territorio, frumento e uva, in forme decorative e armoniose.

san giovanni in persiceto
Mulino dipinto a San Giovanni in Persiceto



Ti racconto un po’ della storia di questa piacevole cittadina per meglio vivere il luogo. San Giovanni in Persiceto è un paese che nel corso dei secoli ha subito diversi rimaneggiamenti urbanistici, pur mantenendo il vecchio nucleo storico d’origine longobarda, il cosiddetto “borgo rotondo“. Nel corso dei secoli, San Giovanni in Persiceto ha alternato periodi di autonomia a periodi di sottomissione ai potenti di turno, senza mai essere eliminato il carattere fiero e lo spirito indipendente della sua gente. Al periodo di supremazia sul territorio dell’Abbazia di Nonantola (VIII secolo) risalgono le prime concessioni ai persicetani di vaste estensioni di terreni incolti e paludosi, con l’obbligo di renderli abitabili e fertili, che costituirono i beni della futura Partecipanza Agraria, ancora oggi presente ed attiva. Dal 1874, ogni anno, si svolge il Carnevale storico, detto degli Spilli.

Nella centrale Piazza del Popolo, dai un’occhiata alle panchine; sono state sapientemente decorate con la riproduzione di dipinti di famosi pittori, una soluzione creativa che merita applausi.

Panchina decorata a San Giovanni in Persiceto
Panchina decorata a San Giovanni in Persiceto

Buona vita!

Cinzia Malaguti