Pirati e corsari

Pirati e corsari assaltavano le navi mercantili per rubarne il carico, ma mentre i pirati armavano e guidavano navi di loro proprietà e derubavano imbarcazioni di qualsiasi nazione, i corsari erano al servizio di un re di cui issavano la bandiera e a cui consegnavano parte del bottino.

Il ruolo dei corsari ebbe il suo apice nel XVI e XVII secolo quando, dopo la scoperta delle Americhe da parte di Cristoforo Colombo che era al soldo dei portoghesi, Spagna e Portogallo si accaparrarono il possesso, lo sfruttamento ed il commercio dei beni provenienti dai nuovi ricchi territori. Fu allora che le potenze coloniali escluse (Francia, Inghilterra e Olanda), attraverso i corsari incaricati, iniziarono a derubare i mercantili diretti nella penisola iberica e carichi di oro, argento, pietre preziose, seta e prodotti esotici. In sostanza, i corsari erano pirati autorizzati dal re.

Galeone pirati
Galeone pirati

I vascelli portoghesi e spagnoli che facevano ritorno in patria venivano attaccati da pirati e corsari nel triangolo di oceano Atlantico compreso tra penisola Iberica, isole Canarie e arcipelago delle Azzorre. Davanti alla minaccia di pirati e corsari, spagnoli e portoghesi studiarono ed applicarono con efficacia un nuovo sistema di convogli con scorte; la flotta in partenza per la Spagna veniva riunita nella baia dell’Avana, a Cuba, dove la fortezza del Castillo del Morro ne proteggeva le operazioni organizzative.

L'Avana, il Castillo del Morro
L’Avana, il Castillo del Morro

Corsari e pirati, però, non demorsero e spostarono la loro attività sull’attacco dei possedimenti spagnoli sulla terraferma, facendo base in alcune isole caraibiche (Giamaica, Tortuga). I pirati fecero pure alleanza tra di loro e fondarono la confraternita dei filibustieri; i filibustieri attaccavano imbarcazioni mercantili di qualsiasi bandiera e sempre con brevi razzie dalla costa, servendosi di piccole imbarcazioni e protetti dall’oscurità della notte.

Nel 1715, il monopolio spagnolo e portoghese del commercio con l’America iniziò a sgretolarsi con il trattato di Utrecht e le nazioni europee si stabilirono nei Caraibi; filibustieri e corsari non erano, dunque, più uno strumento per danneggiare gli spagnoli, diventando un nemico da battere e a cui dare la caccia.

Quella dei tesori di pirati e corsari è più una leggenda che una realtà: delle 11000 imbarcazioni spagnole che si calcola abbiano attraversato l’Atlantico tra il 1540 ed il 1650, i pirati ne rapinarono circa un centinaio, in gran parte mercantili senza grandi tesori. Il nemico più grande dei vascelli che portavano ricchezze in Europa non erano i pirati, ma l’oceano con le sue tempeste.

Letteratura e cinematografia hanno trovato pane per i loro denti nelle leggende di pirati, alimentandone il mito: dal romanzo di Emilio Salgari, Il corsaro nero, al recente film con Johnny Depp, Pirati dei Caraibi.

Cinzia Malaguti

Bibliografia:

Storica NG nr. 79

P. Gosse, Storia della pirateria, Bologna, Odoya, 2008 (saggio)

E. Salgari, Il corsaro nero, Torino, Einaudi, 2005 (romanzo)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *