Cuba non solo mare

Ho visitato Cuba una decina d’anni fa e quelli che seguono sono gli appunti del bellissimo tour che feci in questa interessante isola dei Caraibi, integrati con gli appunti della più recente visita. Ne esce un tour che tocca le principali località storiche e naturalistiche di tutta l’isola ed è un piacere per me farvene partecipi e darvi qualche spunto di viaggio.

cuba
Cayo Guillermo

LA GENTE DI CUBA

Non si può scrivere di Cuba senza iniziare dalla sua gente!! Il popolo cubano è un popolo a cui la storia ha sempre insegnato che uniti si vince; uniti hanno vinto il colonialismo, uniti hanno vinto la dittatura militare del colonnello Batista, uniti – forse – vinceranno la povertà. Già, povertà, perché Cuba è un paese prevalentemente povero, ma di una povertà dignitosa, sorridente, non invidiosa.



Il popolo cubano ha forte il senso della comunità e, se è vero che le persone di mezza età sono orgogliose di Fidel Castro e della rivoluzione del 1958-59, è anche vero che i giovani sono attratti dalla voglia di un non ben definito cambiamento ed entrambi temono di perdere ciò che di buono questo sistema garantisce loro.

cuba
L’Avana, artista

IN GIRO PER L’ISOLA DI CUBA

Entrando in Piazza della Rivoluzione a L’Avana, si avverte subito la forza della storia rivoluzionaria del popolo cubano. La Piazza è dedicata agli eroi nazionali: Josè Martì, ispiratore e combattente per la liberazione dal colonialismo, avvenuta nel 1898; Che Guevara, ispiratore e combattente per la liberazione dal governo filo-americano di Batista, avvenuta nel 1959; Fidel Castro, morto nel 2016, che chiamò il Che al proprio fianco nei moti rivoluzionari che cambiarono la vita del Paese. Tre figure carismatiche le cui idee scorrono nelle vene dei cubani come globuli bianchi nel sangue.

Cuba, L’Avana, Piazza della Rivoluzione

Per la vostra vacanza a Cuba, consiglio di pernottare nelle case private (case particulares) e girondolare nei paesini ed in mezzo alla gente per assaporare il piacere della solarità cubana velata da nuvole di tristezza.



Le spiagge più belle sono quelle dei vari Cayo: sabbia bianca e fine, acqua cristallina; quella ritenuta la più bella (confermo!) è a Cayo Guillermo, si trova sulla punta di questo cayo e si chiama Playa Pilar.

Cuba, spiaggia

Le spiagge, tuttavia, non sono la particolarità più seducente di Cuba o, meglio, non lo sono tanto quanto la musica, l’impronta architettonica coloniale delle sue città e – naturalmente – la gente, di cui vi ho già parlato.

La musica a Cuba echeggia dalla mattina a notte fonda, spesso improvvisata, agli angoli delle strade, nei parchi, nelle piazze, alle case della trova che sono locali, presenti quasi in ogni paese, dove si suona musica dal vivo. Rumba, son, salsa scandiscono le giornate dei cubani. La rumba ha origini africane, mentre il son è l’antenato campagnolo della salsa urbana.

cuba
Trinidad, musicisti salsa cubana

L’impronta coloniale delle città cubane ha un fascino particolare perché la struttura architettonica delle case, a volte ben conservata ed a volte decadente, riporta il visitatore indietro nel tempo, come in un’altra dimensione temporale, in un’altra epoca.



L’Avana vecchia (Habana Vieja), prima di tutte, è una testimonianza dell’epoca coloniale spagnola, con uno dei complessi architettonici più ricchi d’America. Vi segnalo la bella Cattedrale, capolavoro barocco, che fu eretta dai gesuiti nel XVIII secolo: la sua bellezza architettonica e la sua imponenza attraggono il visitatore già al primo sguardo. L’Avana vecchia e le sue fortificazioni sono Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Cuba, L’Avana, Cattedrale

Trinidad, poi, è un gioiellino cubano con le sue abitazioni azzurrate e basse, con le sedie a dondolo all’interno ed i bambini che osservano curiosi, dalle grate delle loro case, i turisti che passeggiano e si perdono nei vicoli. Trinidad e la Valle de los Ingenios sono Patrimonio dell’Umanità Unesco.

cuba
Trinidad

Cinfuegos, sulla strada per Trinidad, e Baracoa, che si trova nella parte più orientale dell’isola, meritano – indubbiamente – più di una sosta. Il centro storico di Cinfuegos è Patrimonio dell’Umanità Unesco.

La zona di Baracoa è la parte più povera del Paese ma anche la più lussureggiante per la vegetazione tropicale e lì si possono organizzare piacevoli trekking, come quello a Rio Duaba, alla piscina naturale con cascate incluse.

Santiago di Cuba è una città molto animata e lì si può cogliere il passato rivoluzionario nel museo della caserma Moncada; la caserma Moncada fu, infatti, teatro di un duplice assalto castrista all’esercito del dittatore Batista, il primo (fallito) avvenne nel 1953 ed il secondo (vittorioso) avvenne nel 1958. A Santiago andate a visitare il panoramico Castello di San Pedro de la Roca, Patrimonio dell’Umanità Unesco, non ve ne pentirete!

cuba
Santiago de Cuba, la Cattedrale

Santa Clara è un’altra cittadina importante per il ricordo rivoluzionario: lì avvenne il felice deragliamento del treno contenente le munizioni dell’esercito regolare ad opera di una squadra comandata da Che Guevara e lì si trova anche il Mausoleo del Che.



PARCO NATURALE DI VINALES

L’area naturalistica di Vinales si trova a Ovest di L’Avana, a circa due ore di auto; è unica e spettacolare con le sue originali formazioni rocciose immerse nella ricca vegetazione tropicale ed è il territorio privilegiato per la coltivazione del tabacco, per via dell’alto tasso di umidità dell’area; nella zona di Pinar delRio si trova anche l’enorme murales della Preistoria, uno dei più grandi affreschi del mondo, all’aperto. Il Parco Naturale di Vinales è Patrimonio dell’Umanità Unesco.

cuba
Cuba, Parco naturale di Vinales

CURIOSITA’

Hamingway  visse a Cuba per diverso tempo, soggiornando all’Hotel Ambos Mundos e sorseggiando il suo mojito (bevanda al rum con foglie di menta) alla Bodeguita del Medio a L’Avana;

Nelle principali città vedrete molte macchine d’epoca, degli anni cinquanta: sono le auto degli americani, residenti prima della rivoluzione, che i cubani sono riusciti – per necessità – a tenere in vita.

Cuba, L’Avana, macchine d’epoca

CONSIGLI

Cuba non è una meta economica: il turista non paga ciò che acquista al prezzo che pagano i cubani ma ad un prezzo molto superiore e con una moneta a lui riservata (peso convertibile).

Non ci sono particolari problemi di sicurezza a Cuba, ma è necessario fare attenzione quando si cammina di notte in grandi città come L’Avana.

La polizia è sempre presente ma discreta ed i cubani non possono parlare liberamente per strada con i turisti, pena sanzioni, siate quindi prudenti per non metterli in difficoltà.

Utilizzate le case particulares (ad esclusione dei Cayo dove non ci sono!) per i vostri pernottamenti perché è una soluzione più economica, più intima e più gradevole.

La segnaletica stradale è molto carente, spesso inesistente, e molte strade sono mal tenute, pertanto, se volete noleggiare un’auto, mettete in conto il tempo che perderete a causa di ciò; meglio partire in gruppo e noleggiare un pulmino con autista.

Buona vacanza e …”hasta la victoria siempre”!

Cinzia Malaguti