Natale a Bolzano

Bolzano, la città 2018 dove si vive meglio in Italia (secondo l’indagine di Italia Oggi), a Natale si riempie di luci, colori, profumi e suoni che non deludono l’atmosfera e le suggestioni natalizie, qui tipicamente tirolesi. Il fulcro di queste attività è la piazza Walther dove si tiene il consueto mercatino natalizio che si richiama alle tradizioni nordiche legate al Natale. Natale a Bolzano è un’occasione per visitare questa bella città sudtirolese ed ammirarla dall’alto, prendendo la funivia che porta a Sopra Bolzano e in Val Renon. 

Natale a Bolzano
Collalbo val Renon

Bolzano è capoluogo dell’omonima provincia della regione autonoma del Trentino Alto-Adige; i suoi abitanti appartengono principalmente a due distinti gruppi linguistici: italiano e tedesco. Nell’ultimo censimento (2011) si sono dichiarati di madrelingua italiana circa i 2/3 della popolazione, mentre 1/3 sono di madrelingua tedesca; ci sono anche alcuni ladini, ma sono davvero pochi. Occorre sottolineare che i germanofoni sono in maggioranza nella zona centrale e a nord di Bolzano, mentre gli italofoni sono prevalenti nei quartieri a sud della città. Bolzano e la sua provincia furono annessi all’Italia nel 1919, dopo la prima guerra mondiale e la sconfitta austriaca; Mussolini, per italianizzare l’area, fece costruire fabbriche nella zona sud della città e vi inviò degli italiani con le loro famiglie, ecco la ragione di questa presenza maggioritaria nei quartieri a sud di Bolzano.

Scultura in legno al mercatino natalizio



Bolzano è una città dove si vive bene, ma a visitarla non andateci in piena estate perché è una delle città più calde, in quanto collocata in una bassa piana chiusa dalle montagne. Per farvene un’idea ed ammirare la sua urbanistica dall’alto, vi consiglio di prendere la moderna funivia che in circa 20 minuti arriva a Soprabolzano, in Val Renon; da qui potrete poi proseguire su un panoramico trenino fino a Collalbo, dove nel periodo natalizio è allestito un caratteristico mercatino. Durante il percorso con la funivia, avrete modo anche di osservare le Piramidi di terra del Renon, caratteristiche formazioni coniche con un sasso in cima, di natura morenica, formatesi nel periodo geologico dello scioglimento dei ghiacciai.

Bolzano veduta dalla funivia
Bolzano, veduta dalla funivia

Il percorso ideale per la visita di Bolzano. Nella Piazza Walther si trova il Duomo di Bolzano del XV-XVI secolo, è in stile gotico con un bel campanile orlato ed un tetto spiovente con originali decorazioni geometriche; l’interno è poco luminoso e altrettanto poco decorato, l’impatto all’interno è di grande austerità. Ora vi porto a fare un giro pedonale nel cuore della città: dal Parcheggio di piazza Walther, mantenetevi a destra rispetto alla piazza ed imboccate la via che prosegue fino a raggiungere e superare Piazza del Grano, proseguite ancora verso nord e dopo essere passati sotto ad una volta, vi troverete nella elegante Piazza Portici, il salotto di Bolzano; girate a sinistra e percorretela fino alla Piazza delle Erbe dove ci sono i banchetti di frutta e verdura; girando qui a sinistra ritornerete in piazza Walther, proseguendo diritto, invece, percorrerete via Museo che vi porterà fino al fiume ed al suo bel prato, ma prima troverete sulla sinistra il Museo Archeologico. All’interno del Museo Archeologico di Bolzano è visitabile la mummia di Otzi,l’uomo venuto dal ghiaccio” risalente a ca 5300 anni fa e ritrovato nel 1991 in alta Val Senales a causa dello scioglimento del Ghiacciaio del Similaun.

Bolzano via Portici
Duomo di Bolzano e piazza Walther durante mercatini Natale



Il mercatino natalizio di Bolzano. Si tiene ogni anno nella centralissima Piazza Walther; è uno dei più frequentati, quindi è un po’ caotico, ma non delude l’atmosfera di luci, colori, profumi e suoni natalizi. Passeggiando potrete ammirare e/o comperare oggetti in legno dell’artigianato tirolese, ma anche calde pantofole in feltro ed oggetti vari per abbellire e colorare il vostro Natale. I profumi poi non tarderanno ad invitarvi ad assaggiare qualche specialità tipica, come la zuppa di gulasch, il brezel (pane tipico intrecciato) o un classico panino tirolese con lo speck, ma anche un dolce strauben (frittelle tirolesi). Se volete portarvi a casa lo strudel, comperatelo in una delle tante pasticcerie o panetterie, sarete sicuri che non è la versione industriale; se, poi, volete la torta Sacher, quella tipica tirolese rivestita di cioccolato fondente con l’anima di marmellata di albicocche, ma la volete fatta secondo la ricetta originale e non badate a spese, entrate nella pasticceria al nr. 21 di piazza Walther, ve la consegneranno dentro un elegante contenitore in compensato.

Musica tradizionale al mercatino natalizio di Bolzano
Musiche tradizionali al mercatino di Natale

Buon Natale!

Cinzia Malaguti