Itinerario al Lago di Garda, tra sacro e profano

Il Lago di Garda, Benaco per gli antichi romani, è il maggiore lago italiano; amatissimo dalle genti di lingua tedesca, sin dai tempi dell’impero austriaco, offre una varietà di paesaggi costieri da affascinare anche il visitatore più distratto. L’itinerario che vi propongo abbraccia il sud-ovest del lago, nella provincia di Brescia, tra pianure costiere e dolci colline, dove uno scrittore idealista ed inquieto del Novecento volle lasciare ai posteri una testimonianza di grandezza: il Vittoriale degli Italiani di Gabriele d’Annunzio.

Lago di Garda, mappa (Google)
Lago di Garda, Isola del Garda o Isola Borghese

Sirmione

Sirmione, sulla stretta penisola che s’incunea ardita nella pancia del lago, è considerata la Perla del Lago ed a ragione, per la sua particolarità morfologica che la mette in una posizione particolarmente panoramica, per la presenza di vestigia romane e medievali e per le sue acque termali.

Lago di Garda, Sirmione, Castello Scaligero
Lago di Garda, Sirmione, Castello Scaligero

Anche storicamente quello di Sirmione è stato un territorio molto ambito: dagli antichi romani che qui vi costruirono (proprio sulla punta della penisola), una maestosa villa, i cui resti sono le Grotte di Catullo, dai longobardi che qui vi costruirono l’Abbazia di San Salvatore (resti archeologici visitabili), poi dai veneziani della Serenissima che nel borgo fortificato e dominato dal Castello Scaligero difesero strenuamente il territorio dai Visconti di Milano, quindi dagli austriaci (Asburgo d’Austria) che qui vi costruirono numerose ville.

Lago di Garda, Sirmione, Grotte di Catullo
Lago di Garda, Sirmione, villa Callas

Gardone Riviera

Gardone Riviera si trova a circa 40 chilometri a ovest di Sirmione ed è il luogo dove visse Gabriele D’Annunzio dal 1921 fino alla sua morte (1938). Gabriele D’Annunzio fu poeta, scrittore, drammaturgo, politico, coraggioso soldato e ardito nazionalista, si ritirò a vivere a Gardone dopo la delusione conseguente all’epilogo dell’esperienza militare a Fiume (oggi Croazia) e che lo vide impegnato in prima persona. A Gardone Riviera, Gabriele D’Annunzio fece ampliare la villa che acquistò e vi fece costruire un mausoleo nell’ampio parco, curando, in maniera maniacale e con gusto teatrale, gli aspetti pratici e simbolici di quello che sarebbe diventato il complesso monumentale del Vittoriale degli Italiani.

Lago di Garda, Gardone Riviera
Gardone Riviera, Giardino del Vittoriale degli Italiani

Il complesso monumentale del Vittoriale degli Italiani fu ceduto, quale atto testamentario, dal D’Annunzio allo Stato, affinché la sua “leggenda” ed ricordi relativi potessero sfuggire all’oblio. Il complesso del Vittoriale comprende il parco monumentale, la casa di D’Annunzio (Prioria), il Museo D’Annunzio eroe (celebra il suo eroismo e le imprese del popolo italiano nella prima guerra mondiale) e il Museo D’Annunzio segreto (vestiti, scarpe, stivali, biancheria, collari per cani, gioielli, ecc…).

Gardone Riviera, ingresso Vittoriale degli Italiani
Vittoriale degli Italiani, Museo D’Annunzio

La visita alla Prioria (abitazione di D’Annunzio) è solo guidata ed ha caratteristiche difficilmente dimenticabili: tappezzeria dai colori cupi, oggetti dappertutto, reliquie e simboli di eventi, incontri, stati d’animo, ideali che hanno permeato la vita di Gabriele D’Annunzio e che assunsero, almeno negli ultimi anni della sua vita, caratteristiche ossessive ed ipocondriache. Migliaia di oggetti, alcuni belli, tutti sicuramente rappresentativi, fanno mostra in ogni centimetro di ogni sala e, capirete bene, quanto sia giustificabile dover lasciare borsa e zaini nel guardaroba prima di entrare. Nell’Auditorium osservate il soffitto perché vi è sospeso, all’interno della cupola, l’aereo biposto (unico perché fu adattato alle sue esigenze) con il quale D’Annunzio raggiunse Vienna nel 1918.

Vittoriale degli Italiani, casa di D’Annunzio
Vittoriale degli Italiani, Auditorium (ft Dante Forni)

Il parco monumentale è posto in posizione meravigliosa ed offre scorci panoramici di notevole bellezza. Il parco è un memoriale della vita e dell’attività di Gabriele D’Annunzio; Da vedere c’è: la Regia Nave Puglia, incastonata nel parco con la prua rivolta verso l’Adriatico, a ricordo del suo capitato Tommaso Gulli, morto nelle acque di Spalato (oggi Croazia) nel 1920; il MAS 96 (Motoscavo Anti-Sommergibile) utilizzato da D’Annunzio durante la Beffa di Buccari (impresa militare anti-austriaca); il Mausoleo, una struttura imponente a tre gironi in pietra, dedicati alla Vittoria degli Umili, degli Artieri e degli Eroi, in cui riposa Gabriele D’Annunzio, nel punto più alto, circondato dai suoi fedeli compagni; D’Annunzio non vide mai terminato il suo mausoleo, ma fu lui a volerlo nel punto più alto del Vittoriale.

Vittoriale degli Italiani, Regia Nave Puglia
Vittoriale degli Italiani, Mausoleo D’Annunzio e co

Consiglio. Il Complesso del Vittoriale è piuttosto esteso, considerate almeno tre-quattro ore per la vista.

Lago di Garda, costa sud-ovest
Lago di Garda

Il Lago di Garda è uno dei laghi più belli del mondo per le sue bellezze naturalistorico-culturali e per la varietà dei paesaggi (costa pianeggiante al sud, montuosa, anche a strapiombo, al nord), ma anche per il delizioso clima che, a dispetto della collocazione settentrionale, è tale da permettere la crescita di palme e limoni.

Buone visite e buon relax al Lago di Garda!

Cinzia Malaguti

Un pensiero riguardo “Itinerario al Lago di Garda, tra sacro e profano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *