Letteratura – R. Sepetys: Una stanza piena di sogni

Dopo "Avevano spento anche la luna", Ruta Sepetys si conferma una scrittrice di talento con "Una stanza piena di sogni". Scrittura ariosa e trama intrigante sono le caratteristiche di "Una stanza piena di sogni".

968

Dopo Avevano spento anche la luna, Ruta Sepetys si conferma una scrittrice di talento con Una stanza piena di sogni. Scrittura ariosa e trama intrigante sono le caratteristiche di Una stanza piena di sogni.

Josie è figlia di una prostituta, ma lei non è come la madre; Josie lavora in una libreria, ma è la saggia Willie, la maitresse del bordello dove lavora la madre, a proteggerla, ad insegnarle a difendersi e ad aiutarla a rimanere una brava ragazza.

La madre di Josie non solo è una prostituta, è anche infida, senza scrupoli e, perdi più, attratta da un losco individuo collegato alla criminalità organizzata con cui scappa ed insieme creeranno seri problemi a Josie.

Josie vuole andare all’Università, addirittura in una Università prestigiosa, ma la strada per lei non sarà facile per via delle radici che tentano di trattenerla … sul fondo del barile. A volte però si può volare anche con un’ala ferita.

Sapevate che i funerali negli Stati Uniti finiscono con un rinfresco mangereccio? Io l’ho saputo leggendo questo romanzo.

La citazione del pittore irlandese Francis Bacon, racchiude molto del significato di questo romanzo, insomma della sua morale: “Non esiste bellezza eccelsa che non abbia una qualche singolarità nelle proporzioni”.

Una stanza piena di sogni è un romanzo di piacevole lettura.

Cinzia Malaguti