La dieta dei piccoli passi costanti

La dieta dei piccoli passi costanti è quella che prevede qualche leggera modifica graduale delle proprie abitudini alimentari, che saremo in grado di incrementare nel tempo. Nessun gruppo alimentare viene eliminato, compresi pasta e dolci, ma il loro consumo è moderato, mentre è abbondante quello delle vitaminiche ed antiossidanti verdure e a merenda, o fuori pasto, solo frutta. Il tutto condito con un po’ di esercizio fisico (anche solo camminate) giornaliero e con il nutrimento dell’autostima. Questa è la mia dieta, ma è meglio chiamarlo stile di vita, che mi ha permesso una riduzione di peso ed un facile mantenimento perché frutto di un cambiamento graduale.

Alcuni studi vanno a supporto della mia scelta, affermando che le diete drastiche, cioè quelle che prevedono l’eliminazione di intere categorie di alimenti o dei cibi che ci piacciono, sono soggette all’effetto rimbalzo. Vari studi hanno, infatti, dimostrato che, nel tempo, eliminare interi gruppi alimentari finisce per indurre un più intenso desiderio proprio per gli stessi cibi proibiti, al punto che, al minimo cedimento, siamo portati a farne una scorpacciata. Allora, concediamoci ogni tanto una fetta di torta, ma non tutti i giorni, e quelle bevande gassate così ricche di zuccheri, sostituiamole gradualmente con una buona spremuta d’arancia fatta al momento, ad esempio; quelle patatine così ricche di grassi aggiunti e poco salutari, sostituiamole gradualmente con qualche noce o mandorla, il vostro organismo vi ringrazierà!

dieta-e-privazioni

L’importanza della dieta dei piccoli passi costanti viene anche da altri studi che hanno misurato le energie mentali a disposizione di chi è a dieta e di chi non lo è, evidenziando che la fissazione quotidiana a non sforare sulle calorie, richiede uno sforzo mentale supplementare che conduce presto a stanchezza, affaticamento e risentimento.

All’inizio dell’articolo ho parlato anche del nutrimento dell’autostima quale necessario condimento di un regime alimentare e di uno stile di vita sani. Le ricerche mostrano, infatti, che chi ha un’immagine positiva del proprio corpo riesce più facilmente a dimagrire e a mantenersi in forma. Insomma, se volete dimagrire e, quindi, migliorare il vostro fisico, dovete innanzitutto migliorare il vostro atteggiamento mentale. Come fare? Come migliorare l’autostima? Concentratevi su ciò che vi piace di voi e fatelo ogni giorno, magari scrivendolo nel vostro diario o, se non lo avete, su un foglio di appunti.

deta ed esercizio fisico

Ora parliamo dell’esercizio fisico, l’altro condimento della nostra dieta dei piccoli passi costanti. E’ noto che muoversi è essenziale per la salute e per mantenersi in forma, ma solo se è in abbinamento a corrette abitudini alimentari. Fare esercizio fisico senza introdurre quelle leggere ma costanti modifiche e tecniche di cui sopra, nulla serve, anzi ha l’effetto contrario, ossia l’esercizio fisico finirà per favorire la fame.

Conclusioni. Non scoraggiatevi se l’ago della bilancia non va giù subito e siate indulgenti verso voi stessi se avete voglia di un dolcino, ogni tanto; l’importante è che vi diate tempo, che abbiate pazienza e che siate determinati, a migliorare prima e a conservare poi, il vostro aspetto fisico e la vostra salute.

Cinzia Malaguti

Bibliografia:

C. N. Markey, Abbasso la dieta, su Mente & Cervello nr. 135

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *