Itinerario in Val di Non

Val di Non è una valle del Trentino che si trova a ovest del fiume Adige, a nord di Trento, adiacente alla Val di Sole. E’ una valle dagli ampi spazi e dalle larghe vedute, caratterizzata dalla presenza di numerosi canyon. L’itinerario che descrivo tocca suggestivi luoghi storici ed affascinanti bellezze panoramiche: Santuario di San Romedio, Lago di Santa Giustina, Castel Thun con “campo base” nella tranquilla e graziosa Cavareno/Amblar a 1000 metri di altitudine. Se avete più tempo potete visitare il Canyon Rio Sass a Fondo e il Parco Fluviale Novella a Romallo.

Itinerario in Val di Non



La Val di Non è una valle alpina abitata sin dai tempi antichi dalla popolazione degli Anauni, di probabile origine celtica, che in questa valle si stabilirono già prima dell’arrivo dei Romani, ai quali vennero probabilmente assoggettati nel I sec. a.C.. A quei tempi, la valle si chiamava Anaunia, nel corso dei secoli il nome è poi mutato in Val di Non. In Val di Non non troverete le forme montuose varie e luccicanti delle Dolomiti, ma altipiani a perdita d’occhio, molti canyon e suggestive vedute panoramiche, il tutto “condito” di storia e cultura tipiche di questa valle abitata sin dall’antichità. La Val di Non è anche la valle delle mele trentine e qui di meleti ce ne sono dappertutto.

val di non
Santuario di San Romedio
Lago di Santa Giustina
val di non
Castel Thun

SANTUARIO DI SAN ROMEDIO

Lascia l’auto presso il parcheggio del Museo Retico (strada statale 43d) a Sanzeno. Di fronte al Museo inizia il sentiero panoramico che in circa 50 minuti arriva al Santuario di San Romedio. Questo percorso è chiamato Sentiero nella Roccia perché è scavato nella roccia, in certi punti occorre abbassarsi per non urtare, ma non è pericoloso se si fa un minimo di attenzione, in compenso è divertente e panoramico; corre lungo il costone della montagna, ben protetto da una spessa staccionata in legno. Il sentiero prosegue nel bosco, poi affianca la strada asfaltata e un breve tratto è su strada; giunti sotto il Monastero, una scalinata conduce all’ingresso.

Sentiero nella roccia verso Santuario di San Romedio
val di non
Santuario di San Romedio

All’ingresso sarai accolto da un monaco che ti inviterà a fare una libera offerta per proseguire la visita, in cambio ti darà la mappa del Monastero. Il Monastero di San Romedio è formato da cinque piccole chiesette sovrapposte, tutte costruite su uno sperone di roccia e unite tra loro da una lunga scalinata di 131 gradini. Salendo i vari gradini, potrai ammirare gli affreschi delle cappelle e giunto in cima ti aspetta una piccola, ma meravigliosa balconata panoramica. Lo sperone su cui poggia il Santuario è alto più di 70 metri. E’ davvero uno degli eremi più caratteristici d’Europa.

Santuario di San Romedio
Chiesa Santuario San Romedio

Qui San Romedio visse per molti anni come eremita, secondo quanto dice la leggenda in compagnia solo di un orso trentino. A ricordo di questa leggenda, davanti al Monastero vengono periodicamente custoditi degli orsi in cattività; da alcuni anni, nel recinto vive orso Bruno, portato qui dopo essere stato salvato da una vita in gabbia per un circo.

Santuario di San Romedio
Punto panoramico in cima al Santuario di San Romedio

LAGO DI SANTA GIUSTINA

Il Lago di Santa Giustina è un lago artificiale situato ai piedi della cittadina di Cles ed è quello con il maggior volume d’acqua tra tutti i laghi della regione. Per ammirarlo nel pieno del suo splendore devi percorrere la strada che da Cagnò scende verso il Ponte del Castellaz, il ponte che attraversa il lago in un punto davvero panoramico; la vista migliore l’avrai poco prima di arrivare al ponte, subito dopo la curva a gomito, in prossimità dell’agriturismo La Terrazza dei Sapori, parcheggia e goditi la vista!

val di non
Lago di Santa Giustina visto da Cagnò



CASTEL THUN

Castel Thun si trova su una collina nei pressi di Vigo di Ton. Nei pressi del Castello c’è un parcheggio, ma è piccolo e a pagamento; ti consiglio di parcheggiare all’inizio di Via Castel Thun (sulla sinistra c’è un ampio parcheggio) e fare una piacevole passeggiata di 15 minuti per arrivare al Castello.

val di non
Castel Thun
val di non
Castel Thun

Castel Thun è un armonico risultato di varie fasi evolutive, da fortilizio a residenza nobiliare. Il castello è circondato da un vasto sistema di fortificazioni costituito da torri, mura, bastioni e fossati (oggi senza acqua); lo ingentiliscono ampi giardini estesi a nord e a sud del castello stesso. Oltrepassata la possente Porta Spagnola si accede al ponte levatoio e al cortile, dove si eleva l’imponente Palazzo Signorile.



All’interno si susseguono numerose stanze che conservano i ricchi arredi originari e un’interessante quadreria di famiglia. L’ambiente più celebre e spettacolare è la cinquecentesca Stanza del Vescovo, interamente rivestita in legno di cirmolo, soffitto compreso; ci sono, poi, cucine, una sala d’armi, salotti e stanze da letto; un bel loggiato permette di ammirare dall’alto il superbo cortile interno. Il Castello è stato sempre abitato, conservandosi nel tempo come dimora arredata.

Castel Thun, Stanza del Vescovo
Castel Thun, decorazioni piano terra

Dal 1992 è di proprietà della Provincia Autonoma di Trento che lo ha reso un luogo davvero piacevole, anche per una sosta di relax. Nell’area del cortile esterno, adiacente ai giardini a nord, si trova il bar con tavolini all’aperto e dove servono ottimi frullati di frutta fresca.

Castel Thun, loggiato
Castel Thun, lato giardini nord

CAVARENO

Cavareno è un piccolo grazioso comune situato a ca 1000 metri di altitudine, un terrazzo dell’alta Val di Non. Il borgo ha una bella piazza molto curata e decorata con composizioni floreali di gusto raffinato.

Cavareno
Cavareno

La maggior parte delle strutture ricettive in Trentino rilasciano la Trentino Guest Card, una carta turistica che ti dà la possibilità di usufruire di sconti e ingressi gratuiti in diverse attrazioni. Con la Trentino Guest Card, ad esempio, non paghi l’ingresso a Castel Thun. Prima dell’arrivo, la struttura alberghiera dove soggiorni ti invierà un link con il quale attivare la Card, tramite app che andrai a scaricare. La app fornisce, inoltre, le informazioni turistiche (descrizione luoghi, orari, prezzi, come arrivare, ecc.) dei vari luoghi d’interesse.

Buona vacanza!

Cinzia Malaguti

Un pensiero riguardo “Itinerario in Val di Non

I commenti sono chiusi.