Guercino a Cento, un protagonista del barocco

Giovanni Francesco Barbieri, detto il Guercino, fu tra i più acclamati protagonisti dell’arte barocca europea. Nacque a Cento (Ferrara) nel 1591 ed elaborò uno stile unico ed inconfondibile; esso è caratterizzato da effetti di luce che fanno brillare i soggetti rappresentati e da una magica naturalezza delle espressioni dei volti e delle pose. Emozione barocca – Il Guercino a Cento è il titolo della grande mostra allestita nella sua città natale fino al 15 febbraio 2020.

guercino
Madonna con Bambino benedicente (1628-1630), Pinacoteca Civica Cento (Fe)
guercino
Madonna con Bambino dormiente, Salamon Gallery Milano

Il Guercino, chiamato così per un difetto visivo, fu precoce talento e profondo conoscitore della pittura ferrarese, bolognese e dei Carracci. A partire da queste basi artistiche, egli elaborò uno stile pittorico unico ed inconfondibile.



Negli anni giovanili si dedicò ad affrescare case della nobiltà centese, raffigurando paesaggi della campagna emiliana. Ispirato da maestri quali Ludovico Carracci, Carlo Bononi e Ippolito Scarsella, il giovane Guercino affinò l’utilizzo degli effetti di luce, di cui manifestò sensibilità già con i primi affreschi e dipinti.

guercino
Affresco età giovanile
guercino
Sibilla (1620 ca), Fondazione Cassa Risparmio di Cento

Nel 1621 si recò a Roma su invito del Papa Gregorio XV e vi restò fino al 1623; dalle opere di questo periodo inizia a trasparire la componente classica ed idealizzante che il Guercino assimila e che è rintracciabile in tutta la sua produzione più matura, in particolare quella del periodo bolognese (1642-1666). Morì a Bologna nel 1666.

Cristo risorto appare alla Vergine (1628-1630), Pinacoteca Civica Cento



I dipinti del Guercino sono, per lo più, a sfondo religioso e molte pale d’altare furono realizzate per diverse chiese del territorio nativo. Potrete ammirare opere del Guercino in diverse Chiese di Cento e zone limitrofe. A Cento troverete tracce del Guercino in: Chiesa di Santa Maria Addolorata detta dei Servi in via Gennari 45 (1 opera), Chiesa del SS Rosario in via Ugo Bassi (5 opere), Palazzo Rusconi (sede della Cassa di Risparmio di Cento) in corso Guercino 12 (3 opere), Basilica Collegiata di San Biagio in via Ugo Bassi 47 (1 opera), Pinacoteca Civica “Il Guercino” in via Matteotti 16 (circa 30 opere). A Pieve di Cento in: Chiesa di Santa Maria Maggiore in Piazza (1 opera). A Renazzo in: Chiesa di San Sebastiano in via Renazzo 62 (3 opere). A Corporeno in: Chiesa di San Giorgio in via Statale Corporeno 40 (1 opera).

Pinacoteca San Lorenzo, Cento (Fe)
Rocca di Cento

Emozione barocca – Il Guercino a Cento è il nome della mostra allestita a Cento presso due sedi espositive: la Pinacoteca San Lorenzo e la Rocca. Alla Pinacoteca San Lorenzo potrete ammirare opere pregevoli su tela del patrimonio artistico di Cento, ma anche provenienti da altre località. Alla Rocca, invece, sono esposte le opere giovanili relative ad affreschi, trasferiti su tela, provenienti da dimore signorili di Cento ed acquisite dal Comune. Una bella rassegna che termina il 15 febbraio 2020.

Buona visita e buona vita!

Cinzia Malaguti