G. Simoni: Piazza San Sepolcro

Le indagini dell’ispettore Lucchesi sono al centro di questo gradevole romanzo poliziesco dell’ex magistrato Gianni Simoni, dal titolo Piazza San Sepolcro. Il romanzo è un intreccio di indagini e allora, tra furti e stupri, tra contesse e psicotici, il nostro ispettore di colore, un po’ malinconico ed un po’ intrigante, cattura l’attenzione del lettore.

1562
Palazzo Castani, sede del Commissariato di Milano Centro, Piazza San Sepolcro, Milano

Le indagini dell’ispettore Lucchesi sono al centro di questo gradevole romanzo poliziesco dell’ex magistrato Gianni Simoni, dal titolo Piazza San Sepolcro.

Il romanzo è un intreccio di indagini e allora, tra furti e stupri, tra contesse e psicotici, il nostro ispettore di colore, un po’ malinconico ed un po’ intrigante, cattura l’attenzione del lettore.

Piazza San Sepolcro, che dà il titolo al romanzo, è una piazza di Milano, dove hanno sede gli uffici del nostro bravo e perspicace ispettore.

Gianni Simoni, l’autore, credo si sia divertito a scrivere questo romanzo; ex giudice istruttore di indagini in materia di criminalità organizzata, di eversione nera e di terrorismo, si è messo a romanzare di reati comuni. D’altra parte, nel grande ci sta anche il piccolo e allora la competenza de contenuti la riteniamo assicurata.

Lo stile narrativo è scorrevole e lo sfondo dell’immagine narrativa è realistico, gioca sulla prossimità nella vita quotidiana di ciascuno di noi e racchiude storie che possono essere tradotte anche in salsa cinematografica.

La figura dell’ispettore Lucchesi è centrale con le sue debolezze, ma anche con la sua forza di non scendere a compromessi per difendere il suo ideale di giustizia. Un ideale di giustizia che lo porterà a nascondere delle prove per proteggere chi ha subito un torto. Sorprendenti sono alcune scene hard.

Piazza San Sepolcro è un gradevole romanzo giallo.

Cinzia Malaguti