Cinema: St. Vincent

Strepitoso Bill Murray in St. Vincent dove recita la parte di un ex-militare burbero e scontroso, ma profondamente generoso.

St. Vincent è un film di formazione dove il ruolo del vecchio che insegna al giovane è ben condito in salsa moderna. Vincent si ritrova a fare il baby-sitter, tra bar e gioco d’azzardo, tra visite alla moglie malata che non lo riconosce più e visite della donna di compagnia a pagamento, ma con il cuore aperto al piccolo Oliver in un aiuto che presto diventerà reciproco.

St Vincent è anche un film sull’integrazione generazionale, dove il vecchio ed il giovane hanno entrambi carte importanti da giocare nel palcoscenico della vita.

L’interpretazione di Bill Murray, nei panni di Vincent, è centrale e di grande spessore, ma anche quella del piccolo Jaeden Lieberher, nei panni di Oliver, mi ha piacevolmente sorpresa.

Per il ruolo di Vincent era stato inizialmente scelto Jack Nicholson che probabilmente non avrebbe sfigurato, data la caratura dell’attore, ma questo Murray si è dimostrato molto bravo, non mi meraviglierei se venisse premiato con l’Oscar 2015 quale migliore attore protagonista, sicuramente mi aspetto la candidatura.

Cinzia Malaguti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *