Cinema: Big Eyes

Big Eyes racconta la storia di Margaret Keane, pittrice degli anni cinquanta e sessanta, e del marito Walter Keane. La storia è interessante perché è la fotografia del ruolo e dei condizionamenti della donna di quel periodo storico, ma è anche l'espressione dei successivi affrancamenti, avvenuti nella società intera.

2753

Big Eyes racconta la storia di Margaret Keane, pittrice degli anni cinquanta e sessanta, e del marito Walter Keane. La storia è interessante perché è la fotografia del ruolo e dei condizionamenti della donna di quel periodo storico, ma è anche l’espressione dei successivi affrancamenti, avvenuti nella società intera.

Big Eyes contiene in sé l’immagine della donna prima e dopo l’emancipazione, attraverso la rappresentazione della Margaret sottomessa che cede la sua arte al marito ambizioso e della Margaret coraggiosa ed orgogliosa che si ribella per affermare la sua arte.

BIG EYES

Margaret Keane è una pittrice di talento ed i suoi dipinti hanno la caratteristica degli occhi grandi (big eyes), sproporzionati rispetto al resto del corpo; gli occhi sono l’espressione dell’anima ed è negli occhi che Margaret concentra tutta l’espressività dei suoi personaggi dipinti, soprattutto bambini.

Margaret ha però la sfortuna, ma anche la fortuna sotto certi aspetti per quel periodo storico, d’incontrare Walter che presenterà come suoi i dipinti della moglie, con il suo consenso e con qualche forzatura, raggiungendo così il successo e la gloria a cui tanto ambiva.

Margaret e Walter diventeranno ricchi, ma la falsità e la menzogna in cui vivono li corroderà dal di dentro, fino a produrre la rottura del loro matrimonio e la ribellione di Margaret.

Big Eyes è un bel film diretto da Tom Burton e Margaret Keane è interpretata dalla brava Amy Adams, che ha ottenuto il Golden Globe 2015 quale migliore attrice protagonista in un film commedia o musicale. Il ruolo di Walter Keane è interpretato dall’attore austriaco Christoph Waltz, che forse ricorderete in Django Unchained, per il quale prese l’Oscar quale migliore attore non protagonista.

Buona visione!

Cinzia Malaguti